Logo del sito "Tolte dal Cassetto"

Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

Pianeta Acqua

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

 
  QUI TOURING del marzo 1972 - Copertina e servizio sul mondo della subacquea

PRIMA PAGINA

<<

Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati...

Close Up

Argomenti in primo piano,
news, eventi e storia del territorio

Carta della Lunigiana Storica
Una cartina con note mostra il
territorio, un tempo abitato dai
bellicosi Liguri Apuani,
da dove parte questo sito...

Grafica elenco puntato link

Le Alpi Apuane
Originano da movimenti
tettonici del fondo marino e sono
prevalentemente costituite di
roccia (il notissimo marmo bianco).
I calcari risalgono ad almeno 250
milioni di anni fa e ne fanno un
"monumento geologico"
unico al mondo...

Grafica elenco puntato link

Liguri Apuani e Statue Stele
Le radici più profonde delle
comunità lunigianesi affondano
fino alle soglie della protostoria.
Mari e monti della Lunigiana Storica (comprendente anche Val di Vara e Val di Magra) un tempo erano occupati dalla bellicosa
popolazione dei Liguri Apuani...

Grafica elenco puntato link

LERICI - Artigianato extracomunitario in Piazza Marconi con vista su Piazza Garibaldi e il campanile dell'Oratorio di San Rocco

Lerici - Piazza Marconi

Nubifragio del 25/10/2011
Un evento atmosferico di
eccezionale portata ha dato luogo
a forti precipitazioni nel Levante
ligure e nell'alta Toscana.
Come conseguenza, le esondazioni
di canali, torrenti e fiumi hanno
originato una vera e
propria apocalisse...

Grafica elenco puntato link

Alluvioni in Liguria dal 1894
In Liguria i disastri legati al
maltempo sono determinati da
tanti fattori. Alluvioni e
devastazioni operate da corsi
d'acqua impazziti, violente
mareggiate e frane sono da sempre
una costante del territorio...

Grafica elenco puntato link

Liguria regione ad elevato
rischio idrogeologico

Secondo uno studio di
Legambiente in Liguria sono
molti i territori che risultano
fragili ed esposti ad un elevato
rischio idrogeologico...

Grafica elenco puntato link
 
 
 
 

Fotografie © GIOVANNI MENCARINI

 
Il fiume Magra  Titolo di testa - Il fiume Magra, fotografie   fotografie
          ed il parco naturale regionale di
Montemarcello - Magra

L'acqua, elemento indispensabile per la vita

Parco del Magra

Bandiere Blu

Pesca col rezzaglio

Canale Lunense

Utilizzo corretto delle riserve idriche

"Non  c'è vita  senza acqua.  L'acqua è un
  bene  prezioso, indispensabile  a tutte  le
  attività umane."
  Art. 1 " Carta Europea dell'Acqua" del Consiglio
  d'Europa (maggio 1968)
Elenco puntato - Le risorse idriche mondiali  Le risorse idriche mondiali
Elenco puntato - Fabbisogni e consumi nel mondo  Fabbisogni e consumi nel mondo
Elenco puntato - Risorse e consumi in Italia  Risorse e consumi in Italia
Elenco puntato - Scarsità d'acqua e mutazioni climatiche  Scarsità d'acqua e mutazioni climatiche
Elenco puntato - Ottimizzare l'uso delle riserve idriche  Ottimizzare l'uso delle riserve idriche
 
Il fiume Magra è la maggior fonte di approvvigionamento di acqua dolce delle Provincie di La Spezia e Massa Carrara.
 
Le Nazioni Unite hanno dichiarato il 2003 anno internazionale dell'acqua.
La corretta gestione delle risorse idriche è uno dei problemi che affliggono il nostro pianeta.
Il Forum mondiale di Kyoto sull'acqua ha ribadito la necessità di ridurre di un 50% - da qui al 2025 - il numero degli individui attualmente privi di acqua potabile e di servizi igienici, con un finanziamento annuo di circa 180 miliardi di dollari.
Oggi il 40% della popolazione mondiale vive in aree in cui l'acqua scarseggia; se non saranno adottate nuove efficaci politiche, lo scenario del 2025 sarà quello di una percentuale salita ai due terzi.
Gli attuali sei miliardi di abitanti della Terra utilizzano già oggi il 54% dell'acqua dolce disponibile in fiumi, laghi e falde acquifere. Tale percentuale potrebbe salire al 90% per effetto dell'aumento dei consumi pro-capite e dell'incremento della popolazione.
A livello mondiale, secondo i dati del Programma di valutazione dell'acqua, il 69% dell'acqua prelevata è utilizzata in agricoltura, il 21% nel settore civile e domestico, il 10% dall'industria. Ma le medie dicono anche che in Europa l'industria assorbe il 54%, l'agricoltura dell'Africa l' 88% .
Secondo la Fao ( Food and agricolture organization dell' ONU ) è possibile tuttavia trovare acqua a sufficienza per alimentare l'intero pianeta, a patto di "unire le risorse e rafforzare l'impegno per migliorare la gestione delle acque destinate alla produzione agricola".
Questo risultato potrà essere ottenuto, secondo la Fao, incrementando nei prossimi 30 anni l'efficienza dei sistemi di irrigazione in una misura oscillante tra il 38 ed il 42%. Un contributo più modesto potrebbe derivare dal cambiamento delle abitudini alimentari di alcune popolazioni. Il riso richiede, per esempio, un apporto d'acqua per ettaro circa doppio di quello del grano.
Il V° Forum mondiale sull'acqua - Istanbul 16/22 Marzo 2009 - ha messo in luce come le nazioni OCSE abbiano la necessità di investire almeno 200 miliardi di dollari all'anno per ammodernare e ristrutturare le reti idriche, onde ridurre le perdite e fornire acqua igienicamente sicura. Nelle aree in cui le forniture idriche e gli impianti igienici sono scarsi il tasso di mortalità infantile è moltiplicato da 10 a 20 volte rispetto a paesi con impianti idrici ed igienici adeguati. Nelle nazioni in via di sviluppo, il 70% dei rifiuti industriali viene gettato nelle acque senza subire alcuna depurazione, inquinando perciò le risorse d'acqua a disposizione. Si stima che, entro i prossimi 60 anni, dai 3 ai 7 miliardi di persone vivranno in aree geografiche carenti d'acqua.
Fonte:
Cooop Consumatori - maggio 2003 n. 4 - Edizione Liguria,
Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), UNESCO
 
Estate 2003
La grave siccità che ha colpito mezza Europa ha causato gravi danni anche all'ambiente fluviale del Magra, soprattutto alla fauna ittica.
E' stato calcolato che per riportare il fiume alle condizioni
FIUME MAGRA - Paesaggio nel comune di Bolano
preesistenti potrebbero occorrere dai tre ai cinque anni. Un tempo molto lungo se rapportato a quello relativamente breve delle condizioni atmosferiche avverse.
 
Anno 2009
Le abbondanti precipitazioni avvenute su Lunigiana e Val di Magra hanno fatto esondare il Magra per ben 4 volte, causando danni ingenti e disagi alla popolazione nei pressi della foce. La forza delle acque ha minato le strutture del ponte della Colombiera che è stato chiuso al traffico per il consolidamento di un pilone di sostegno.
Per una corretta valutazione dell'impatto ambientale e dello stato di calamità, è intervenuto in zona anche il capo della Protezione Civile Bertolaso.
Immagine animata di un pesce
Dobbiamo tutelare gli ambienti fluviali perchè da essi dipenderà la qualità della nostra vita in futuro.
FIUME MAGRA - Paesaggio a sud del Ponte della Colombiera
Il ponte della Colombiera è crollato durante l'ondata di piena del 25-10-2011
Immagini del ponte prima e dopo il crollo
 
S.STEFANO MAGRA - Esondazione del Magra negli anni Sessanta
 
Le risorse idriche della Terra
Degli oltre 1.400 milioni di Km cubi di acqua che ricoprono la Terra, si stima che il 97,5% sia costituito da acqua salata. Quella dolce (il 2,5%) è così distribuita:
- 69,8% in ghiacciai e nevi perenni;
- 29,9% nel sottosuolo (quasi 8,5 milioni di Km cubi);
- 0,3% in acqua dolce di laghi e fiumi, utilizzabile dall'uomo (circa 105 mila Km cubi), pari allo 0,008% del totale delle acque presenti sulla Terra.
Alla luce delle pesanti variazioni del clima terrestre, la percentuale relativa a ghiacciai e nevi perenni è in costante diminuzione.
 
Dove si trova l'acqua dolce?
In siberia (lago Baikal), nei grandi laghi del Nord America, in Africa (regione dei laghi Tanganika, Vittoria e Malawi) ed in cinque sistemi fluviali: Rio delle Amazzoni, Gange e Bramaputra, Congo, Yangtze, Orinoco.
Ogni anno, in maniera disomogenea ed in quantità sempre minore, cadono sulla Terra circa 500 miliardi di tonnellate di acqua piovana.
 
Immagine animata di fenicottero
 
Fonte: United
Nations - Unep;
Il Secolo XIX
Titolo paragrafo - FAQ - Perchè l'acqua è indispensabile alla vita?  FAQ - Perchè l'acqua è indispensabile alla vita ?

"Aman Iman", ovvero "l'acqua è vita": così dicono i Tuareg, gelosi custodi delle secolari tradizioni del deserto del Sahara, che da sempre vivono il loro rapporto con l'acqua con la consapevolezza della sua intima relazione con la vita.
L'acqua infatti è alla base della vita sia del regno animale che vegetale e costituisce il componente principale del corpo umano.
In un individuo, la sua percentuale varia man mano che avanza l'età. Da giovani si è più ricchi di acqua (un neonato ne è composto per quasi il 90%). Negli anziani questa percentuale diminuisce fino al 50% ed è per questo motivo che la nostra pelle, durante la vecchiaia, diventa così rugosa e secca.
Una persona in buone condizioni fisiche avverte la sensazione della sete quando nel suo corpo manca acqua in ragione di un 2%. Quando questa percentuale sale al 5%, si comincia ad avvertire un certo disagio.
Per la vita è indispensabile un giusto equilibrio tra l'acqua contenuta nelle cellule (ricca di potassio) e quella extra-cellulare (ricca di sodio). Ogni giorno un individuo umano ha bisogno di reintegrare l'acqua persa con le funzioni fisiologiche (sudorazione, minzione e respirazione).
Sono in media 2 litri, che vengono rimpiazzati sia bevendo che mangiando. Frutta e verdura, ma anche il pane fresco e la carne, contengono buone quantità d'acqua necessaria a questo scopo. L'acqua aiuta a diluire molte pietanze che devono essere ingerite e digerite, è fondamentale nella regolazione della temperatura corporea, elimina dal corpo le scorie metaboliche e trasporta le sostanze nutrienti che devono arrivare alle nostre cellule. Si può stare senza mangiare anche per un mese ma,
senza bere, mediamente non si resiste più di 7 giorni.
Un'elevata disidratazione può causare crampi muscolari, effetti allucinogeni, svenimenti, e danni irreversibili al nostro organismo.
La quantità d'acqua giornaliera aumenta considerevolmente se facciamo attività fisica. Per reintegrare i liquidi e le altre sostanze vitali perse con la sudorazione è necessario bere molto, facendo uso di acque con un medio/alto residuo fisso. Infatti, un'acqua ricca di sodio viene trattenuta dall'organismo; in mancanza di questo, verrà invece espulsa molto velocemente sotto forma di urina, senza assolvere ai suoi compiti specifici.
Ecco spiegato il motivo per cui, le acque povere di sodio (tanto leggere e tanto pubblicizzate), fanno fare molta pipì!
La quantità d'acqua giornaliera che bisogna reintegrare varia anche in ragione delle condizioni climatiche, dell'età e di alcune patologie. Nella stagione estiva, anche in assenza di attività fisica, per garantire una corretto reintegro di liquidi è necessario assumere una dose minima giornaliera di 8 bicchieri d'acqua. Quando si ha la febbre la sudorazione aumenta e avvertiamo di più la necessità di bere. I bambini, per assumere le sostanze minerali necessarie al loro sviluppo, devono bere grandi quantità di liquidi.

Negli anziani, invece, diminuisce considerevolmente la percezione della sete. Quando fa molto caldo, un anziano dovrebbe bere più del necessario, per non incorrere in fenomeni di disidratazione.
L'acqua svolge anche delicati compiti vitali sulla superficie corporea. Quella potabile è un buon rimedio naturale per la pulizia delle ferite. Molti ignorano che, in manca di disinfettanti chimici, lavare una ferita o una escoriazione con acqua e sapone di marsiglia (quello da bucato) è una delle prime elementari regole di pronto soccorso. L'acqua fredda limita molto i danni dovuti alle ustioni.
Con l'acqua ci laviamo le mani e il corpo. In questo modo diminuiamo considerevolmente l'ingestione di organismi estranei che potrebbero dare origine a malattie pericolose ovvero affezioni cutanee.
L'acqua è necessaria ad eliminare le impurità di molti cibi che vengono ingeriti nei nostri pasti quotidiani. Gli esempi potrebbero continuare all'infinito...

Elenco puntato - Citazione versi di Giuseppe Ungaretti ... Questi sono i miei fiumi / Questo è il Serchio al quale hanno attinto duemil'anni forse di gente mia campagnola e
     mio padre e mia madre / Questo è il Nilo che mi ha visto nascere e crescere... - da "I fiumi" di Giuseppe Ungaretti
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
 

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP