Logo del sito "Tolte dal Cassetto"

Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

PHOTO MAGAZINE

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

INDICE ARCHIVIO NEWS

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

 

  IL TELEGRAFO del 5 novembre 1966 - L'Apocalisse in Toscana. L'Arno straripa e invade Firenze e Pisa. Valanghe d'acqua sommergono Grosseto. Danni per milioni anche all'Elba...

PRIMA PAGINA

<<

Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
 Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
 e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati...

 
 
 
 

Fotografie © GIOVANNI MENCARINI

 
Ondata di maltempo in Liguria e Toscana

Un evento atmosferico di eccezionale portata si è verificato nella giornata di martedì 25 ottobre 2011 nel Levante ligure e nell'alta Toscana.
In pratica è successo che una perturbazione di origine atlantica, in transito sul territorio, abbia visto il suo passaggio rallentato da una corrente di aria fredda continentale generata dall'alta pressione. Come conseguenza le precipitazioni, che altrimenti sarebbero state più diradate, in alcune aree dello Spezzino e della Lunigiana hanno raggiunto concentrazioni tali da originare una vera e propria apocalisse. Canali, torrenti e fiumi si sono gonfiati fino all'inverosimile, dando

Inferno di acqua e fango
danni ingenti in Val di Vara, Cinque Terre e Lunigiana

luogo ad un'ondata di piena che ha seminato morte e distruzione. A causa dell'alluvione hanno perso la vita 14 persone.
Sul litorale spezzino, la zona più colpita è quella delle Cinque Terre, ed in particolare hanno subito i maggiori danni i paesi di Monterosso e Vernazza.
In Val di Vara sono stati sommersi da acqua e fango soprattutto i borghi di Pignone, Rocchetta, Zignago, Brugnato e Borghetto.
In questi ultimi il grado di distruzione è veramente elevato e parecchie famiglie hanno perduto tutto quello che avevano.
La Via Aurelia oltre Padivarma è stata interessata da numerose frane e smottamenti e la viabilità resterà modificata per molti anni a venire.

PIGNONE - Distruzione e fango dappertutto
Grafica di segnalazione fotografie  Fotografie di alcune località interessate dal disastro
    Grafica elenco puntato Lunigiana  Grafica elenco puntato Val di Vara  Grafica elenco puntato Val di Magra
     Grafica elenco puntato Crollato il Ponte della Colombiera Grafica elenco puntato Crollato il ponte di Stadano
     Grafica elenco puntato Crollato il Ponte di Mulazzo Grafica elenco puntato Altre piene e alluvioni del fiume Magra
In Lunigiana, in poche ore, sono caduti la bellezza di 350 millimetri di pioggia, che hanno causato un innalzamento record del livello del fiume Magra. Le stime indicano che la pioggia caduta su tutta l'area del Magra è stata di circa 370 milioni di metri cubi, il doppio della capacità del lago del Vajont.
Situazioni veramente drammatiche si sono registrate nei comuni di Mulazzo e Aulla dove il Magra ha superato tutti gli argini, invadendo strade, piazze, terreni coltivati e capannoni sede di attività produttive. La città di Aulla è stata sommersa da una valanga d'acqua e fango alta circa 6 metri. L'acqua è arrivata fino al primo piano del palazzo comunale mentre in un noto supermercato, aperto in una zona vicina all'argine del fiume, i clienti sono rimasti intrappolati dall'acqua e sono stati salvati per miracolo. Nelle tre vie parallele che collegano il casello autostradale al Quartiere Matteotti questo "tsnumami terrestre" ha travolto tutto quanto ha trovato sulla sua strada. Nell'evento disastroso sono state danneggiate più di 400 autovetture.
L'emergenza era iniziata intorno alle 14,30 con l'esondazione del torrente Verde a Pontremoli. Da quel momento è stato tutto un susseguirsi di crolli di ponti, frane, smottamenti, allagamenti, blackout di linee elettriche, telefoniche e reti del gas.
In tilt anche i ponti radio che consentono alle squadre della protezione civile di tenersi in contatto per coordinare i soccorsi. Una vera e propria ecatombe...
In Val di Magra, l'esondazione del fiume ha causato problemi a tutti i comuni. Particolarmente colpiti i territori di S.Stefano Magra, Arcola e Ameglia
Grafica di segnalazione link  Il ciclo delle precipitazioni alterato dalle variazioni climatiche
dove le frazioni di Bocca di Magra e Fiumaretta sono finite per l'ennesima volta sott'acqua.
Centinaia di case sono state evacuate, molta gente si è salvata salendo sui tetti delle proprie abitazioni. Nel sarzanese i soccorritori hanno dovuto fare uso di gommoni per trarre in salvo alcuni abitanti delle frazioni di Battifollo e Bradiola.
L'ondata di piena è stata così devastante che i ponti di Mulazzo (di tipo Bailey installato per far fronte all'emergenza di una precedente alluvione) e Stadano, nonché quello a campata mobile della Colombiera (parzialmente ricostruito nei primi mesi del 2010) sono crollati sotto la furia delle acque. Si stima che il volume d'acqua transitato alla foce del Magra è stato di 150 milioni di metri cubi, trenta volte superiore al regime normale.
Grafica di segnalazione link  Ponti crollati ricostruiti o in corso di ricostruzione
    Colombiera    Mulazzo    Ponte Magra
Anche le autostrade A12 Sestri Levante-Livorno (dove un camionista  è rimasto intrappolato per 5 ore nel suo mezzo investito da tonnellate di terra e sassi) e A15 Parma-La Spezia sono rimaste chiuse per parecchi giorni. Lo stesso dicasi per la ferrovia La Spezia-Genova, interrotta all'altezza di Vernazza a causa di una frana.
Al termine di questa apocalisse sono rimasti i drammi umani delle famiglie che hanno avuto lutti, di quelle che hanno perso tutti i loro averi, le ferite al territorio.
Sono innumerevoli le problematiche legate alle aziende rase al suolo che si riflettono inevitabilmente sull'economia locale e sui posti di lavoro. Intere coltivazioni agricole sono andate perdute, la viabilità resterà modificata per anni...
Per una prima emergenza di questa tragedia, impossibile da descrivere nella sua completezza, il Governo ha stanziato fondi per 65 milioni di euro, ma il bilancio finale è stato stimato in un miliardo di euro...
Come se non bastasse, il 4 novembre 2011 a Genova l'esondazione del Rio Fereggiano causava una disastrosa alluvione che metteva in ginocchio la parte orientale della città...
DICEMBRE 2012 - Esce "Se io fossi acqua", film-documentario
che racconta i terribili giorni dell'alluvione vissuti in Val di Vara
Presentato in anteprima al Festival della Scienza di Genova il 27-10-2012 (proiezione c/o il Cineclub Amici del Cinema in Sampierdarena) ed in prima nazionale il 1° dicembre al Cinema Teatro Il Nuovo della Spezia, "SE IO FOSSI ACQUA" - lungometraggio di 87 minuti - è racconto dei giorni dell'alluvione del 25 ottobre 2011 in Val di Vara, delle piccole cose che hanno funzionato, una testimonianza della rinascita di una comunità, realizzato con tatto e delicatezza. Un film che testimonia il valore di una comunità - metafora dell'Essere Comunità attraverso i racconti in presa diretta - ed in modo antiretorico tocca il cuore, esalta e commuove, descrive lo sconcerto, la disperazione e la speranza, la forza, la solidarietà, i Valori di una comunità che cementano un'Appartenenza capace non solo di sostenere una rinascita ma di fornire anche l'esempio della concretezza della solidarietà...
Massimo Bondielli, il regista, insieme a Luigi Martella e Marco Matera coautori del documentario, hanno saputo valorizzare, testimoniare e  portare lo spettatore a riflettere su quello che davvero conta, evidenziando una coscienza di luogo che di fatto contraddistingue ogni piccola comunità, un racconto che evidenzia come poter reagire a eventi simili vista anche l'ormai triste attualità delle alluvioni.
Massimo Bondielli descrive così la sua opera:" Nel film-documentario “Se io fossi acqua”, l'alluvione del 25 ottobre 2011 in Val di Vara è stata raccontata attraverso la ricerca dell'essenza della comunità umana di una piccola valle dell'Appennino ligure che, dopo un dramma collettivo, ha reagito solidale riaffermando la propria coscienza di luogo e il valore della memoria. Il racconto è diventato così metafora della rinascita. Le mani dei tifosi dello Spezia Calcio insieme a quelle di centinaia di volontari giovani e meno giovani, che senza clamori e sensazionalismi hanno messo a disposizione dei cittadini pignonesi la loro solidarietà, rimarranno come “memoria collettiva” di piccoli gesti di solidarietà, che generano grandi “scenari di fratellanza”. Abbiamo investito le nostre energie e le nostre differenti competenze al fine di mettere a punto un modello d'azione auto-portante: ogni volta che si tornava a casa, dopo essere stati in Val di Vara per oltre 10 mesi, eravamo sempre più convinti della potenza del racconto. Adesso il nostro obiettivo è quello di far conoscere la bellezza di questa comunità attraverso la magia del cinema.
Il film-documentario è completamente autoprodotto e, su richiesta degli autori, i proventi raccolti durante le proiezioni spezzine - coperti i soli costi di proiezione - verranno devoluti alla scuola di Pignone per promuovere progetti indirizzati ai più piccoli di quella comunità: Pignone dà, Pignone riceve.
 

Close Up

Fotografie, eventi, turismo, economia, arte e gastronomia

Le Alpi Apuane
Originano da movimenti tettonici del fondo marino e sono prevalentemente costituite di roccia (il notissimo marmo bianco). I calcari risalgono ad almeno 250 milioni di anni fa e ne fanno un "monumento geologico" unico al mondo...

Elenco puntato - Le Alpi Apuane

Ferrovia Aulla-Lucca
Il fascino dei treni d'epoca
e delle locomotive a vapore

Elenco puntato - Ferrovia Aulla-Lucca

Ferrovia Pontremolese
Una linea di vitale importanza
per La Spezia e la Lunigiana

Elenco puntato - Ferrovia Pontremolese

Infiorate a Brugnato
"Per tetto un cielo di stelle e
per strada un tappeto di fiori..."

Elenco puntato - Infiorate a Brugnato

Tall Ships alla Spezia
Provenienti dalla "Tall Ship's
Race 2007 Mediterranea, da
Alicante a Genova, alcuni fra i
più prestigiosi velieri d'epoca
hanno fatto tappa nel Golfo
della Spezia prima di lasciare
definitivamente il Mar Ligure.

Elenco puntato - Tall Ships alla Spezia

Festa della Marineria
La biennale manifestazione del
mare, nata nel 2009 alla Spezia,
ha raggiunto il culmine della
popolarità nel 2013 con la
presenza di 35 tra i velieri più
belli del mondo.

Elenco puntato - Festa della Marineria

Mezzi militari storici
Carri armati, autoblindo, jeep, motociclette, autocarri dei periodi bellici e non che tornano in auge durante i raduni organizzati dagli appassionati del settore.

Elenco puntato - Mezzi militari storici

Tuning: l'arte delle 4 ruote
L'arte di apportare alla propria
autovettura dei cambiamenti a
livello motoristico ed estetico iniziò intorno alla metà del
Novecento. La capostipite
delle auto Tuning fu la
mitica Fiat 500 Abarth...

Elenco puntato - Tuning: l'arte delle 4 ruote

Antiche ricette in Lunigiana
Piatti prelibati di una cucina essenziale, ma non per questo meno saporita. Cibi dal sapore antico che tornano ad imbandire le nostre tavole dopo  essere stati riscoperti a nuova vita.

Elenco puntato - Antiche ricette in Lunigiana

Alluvioni in Liguria dal 1894
In Liguria i disastri legati al
maltempo sono determinati da
tanti fattori. Alluvioni e
devastazioni operate da corsi
d'acqua impazziti, violente
mareggiate e frane sono da
sempre una costante del territorio...

Elenco puntato - Alluvioni in Liguria dal 1894

Liguria regione ad elevato
rischio idrogeologico

Secondo uno studio di
Legambiente in Liguria sono
molti i territori che risultano
fragili ed esposti ad un elevato
rischio idrogeologico...

Elenco puntato - Liguria regione ad elevato rischio idrogeologico
 
 
 
 
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
19037 Santo.Stefano di Magra - LA SPEZIA  IT
   

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP