Logo del sito "Tolte dal Cassetto"

Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

Val di Magra

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

 
 
LA SPEZIA IN GUERRA 1940-'45 (Cinque anni della nostra vita) - Volume a cura di Arrigo Petacco, edito da "La Nazione"

PRIMA PAGINA

<<

Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
 alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
 la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
 in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

 A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
 Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
 e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati... 

 
 
 
 
Arcola
ARCOLA - Panorama del centro storico e della valle sottostante (zona industriale)
ALTRI COMUNI
Ameglia
Arcola
La frazione Trebiano
Castelnuovo Magra
Luni
Sarzana
S.Stefano di Magra
Vezzano Ligure
 

Blocco Notes

Arcola
E' situata in posizione dominante sulla Val di Magra e dalle mura del centro storico si può ammirare un meraviglioso panorama che ha come punto di attrazione principale le Alpi Apuane. Il borgo antico è dominato dalla Torre detta "degli Obertenghi", perchè da questi ultimi fu fatta edificare intorno al X secolo, vigile sentinella della comunità arcolana.
La torre è alta 25 metri, con un perimetro di ugual misura. Vi si accedeva con una stretta porta ancora oggi visibile. Tale apertura doveva essere in stretto rapporto con il castello, al quale sarebbe stata collegata mediante un ponte levatoio o in corrispondenza di questa poteva giungere il camminamento superiore delle mura. L'attuale porta di accesso è del 1759.
Dopo le frequenti e sanguinose invasioni di normanni e saraceni, gli Obertenghi nell'XI secolo costruirono anche il castello e fecero riemergere Arcola alla luce della storia. Il castello ebbe importanti funzioni navali nella Marca Ligure Occidentale. Nel 1128 divenne proprietà del monastero di San Venerio del Tino. Gli Obertenghi furono anche marchesi di Massa e Corsica.
Arcola fu un antico "cassero" romano, cioè un deposito di passaggio nell'avanzata di Roma contro le popolazioni della Liguria (Liguri Apuani), negli anni 639-516 a.C. Sorse tra i primi borghi della Valle del Magra, insieme a Castelnuovo Magra e Ameglia, per accogliere le popolazioni che erano fuggite dai territori di Luni infestati dalla malaria. La prima attestazione risale al 1014, quando Arrigo II né confermò il possesso all'Abbazia di San Zeno. Nel 1209 fu ceduta al Vescovo di Luni.
Grafica titolo testo  Nubifragio del 14 giugno 2016

Nel primo mattino del 14 giugno 2016, per circa tre ore, la provincia della Spezia è stata interessata da un violento temporale accompagnato da pioggia intensa e grandine. Allagamenti, smottamenti del terreno, disagi sono stati registrati un po' su tutto il territorio.
Per uno scherzo del destino, nel comune di Arcola le precipitazioni sono state più abbondanti che altrove ed hanno causato l'esondazione di rivi e canali artificiali di deflusso delle acque che, scendendo dalle colline, tagliano "a fette" il territorio per poi arrivare fino al piano e al fiume Magra. La tracimazione delle acque è stata purtroppo agevolata da foglie, sterpaglie e vegetazione che, trasportate dalla violenza della corrente, in molti punti hanno fatto da "tappo" aggravando così la già precaria situazione.
Le frazioni di Romito, Ressora e Ponte di Arcola sono finite perciò sotto un fiume di acqua che ha invaso strade, case, esercizi commerciali e strutture varie, dando luogo ad un elenco corposo di danneggiamenti; per fortuna non si sono lamentati ne vittime ne feriti.
Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco della Spezia, coadiuvati da altre squadre giunte da Massa Carrara e da Genova, e volontari della Protezione Civile. Il sindaco di Arcola ha emesso un'ordinanza per tenere chiuse alcune scuole mentre diverse famiglie sono state costrette ad evacuare le loro abitazioni ovvero, dove possibile, a salire ai piani superiori in quanto l'acqua aveva raggiunto il livello di circa un metro.
Difficili i collegamenti tra la Statale Aurelia e la zona industriale di Arcola in quanto tutti i sottopassi della Ferrovia Spezia-Pisa risultavano allagati e perciò interdetti alla circolazione. A Ponte di Arcola una frana ha parzialmente ostruito la SS1: il traffico leggero è stato deviato su strade secondarie, mentre i mezzi pubblici e quelli pesanti hanno potuto transitare a senso unico alternato fino alla completa rimozione del materiale franoso, che è avvenuta interno alle ore 17:30.
Passato il pericolo, iniziava la conta dei danni, che sono apparsi subito abbastanza rilevanti. La Regione Liguria, nel caso in cui le perdite delle produzioni agricole risultassero superiori al 30%, avvierà la procedura per richiedere lo «stato di calamità».
Va ricordato che sulla zona non era in atto alcun allerta meteorologico. Una incongruenza se si pensa che durante quattro precedenti dichiarati allarme (di colore giallo e arancione) in Val di Magra non si erano verificati fenomeni precipitativi degni di rilievo.
Mentre fioccano le polemiche, anche politiche, un piccolo riassunto fotografico di quanto accaduto lo potete vedere iniziando da questa fotografia ...

 
Nel 1278 il castello fu conquistato da Oberto D'Oria, Capitano della Repubblica Genovese. Nel 1320 passò nella mani di Castruccio Castracani e successivamente a Filippo Maria Visconti, Duca di Milano. Nel 1494 ritornò ai Genovesi. Nel 1747 e nel 1799 Arcola fu saccheggiata dagli spagnoli, dai tedeschi e dai francesi. Dopo quel periodo subì il dominio napoleonico fino al 1815, anno in cui il Congresso di Vienna stabilì che l'Antica Repubblica di Genova e tutti i suoi territori venissero annessi al Regno di Sardegna, di cui Arcola costituì un Ducato.
Etimologicamente il nome Arcola potrebbe derivare da Arx (rocca) o da Arcula (piccola rocca). Da visitare il borgo di Trebiano, quello di Baccano e gli stretti "carobi" di Cerri.
In passato, già a partire dal XV secolo, nel Piano di Arcola e in quello di Trebiano, le attività agricole erano già molto sviluppate. Spesso rovinate dalle impetuose alluvioni della Magra, erano presenti coltivazioni di legumi, cereali, foraggio, ortaggi, uva, frutta. In seguito fu introdotta anche la coltura del granturco e nell'ottocento iniziò la produzione di patate, barbabietole da zucchero, canapa, lino e gelso. Nel 1736 Arcola costruiva due molini progettati e collaudati da Matteo Vinzoni.
Il territorio comunale è oggi differenziato tra la parte collinare, tuttora ricca di coltivazioni agricole della vite e dell''ulivo e la parte pianeggiante, diversamente da un tempo, più a vocazione industriale. Celebre, dal 1983, la Rassegna dei vini arcolani che si tiene nel mese di settembre nel parco della villa Picedi Benettini di Baccano. La zona oggi appartiene al circuito delle "Città del Vino" ed i vini arcolani sono all'altezza delle migliori tradizioni vinicole nazionali.
Fonti:
Insieme in Liguria
- Luoghi d'arte, musica e teatro - a cura della Regione Liguria;
QN Quotidiano Nazionale - La Nazione di Firenze.
Comune di Arcola
 

Close Up

Fotografie, eventi, turismo, storia e news del territorio...

Il Canale Lunense
Inaugurato nel maggio 1930, prende acqua dal fiume Magra, nei pressi di Isola di Caprigliola, ed è la più importante opera idraulica ad uso irriguo della vallata. Le sue sponde vengono oggi utilizzate per lo scorrimento di una pista ciclabile...

Grafica elenco puntato link

Ex Ceramica Vaccari
Il comprensorio della fabbrica è un prezioso esempio di civiltà industriale di fine Ottocento e rappresenta un pezzo di storia fondamentale per Santo Stefano Magra e per tutta la Provincia della Spezia. Le aree recuperate vengono oggi dedicate all'arte, allo spettacolo, alla cultura...

Grafica elenco puntato link

Sentieri della Via Francigena
Una cartina del CAI traccia
i sentieri storici della
Via Francigena tra Aulla e
Sarzana, che sono
nuovamente percorribili dopo
essere stati ripuliti e segnalati...

Grafica elenco puntato link

Il Castello della Brina
Importanti ricerche archeologiche vengono compiute su quelli che sono i resti di questo maniero posizionato sul sentiero di monte della Via Francigena, tra Ponzano Superiore e Falcinello...

Grafica elenco puntato link

Carta della Lunigiana Storica
Una cartina con note mostra il
territorio, un tempo abitato dai
bellicosi Liguri Apuani, da dove parte questo sito...

Grafica elenco puntato link

Liguri Apuani e Statue Stele
Le radici più profonde delle
comunità lunigianesi affondano
fino alle soglie della protostoria.
Mari e monti un tempo erano
occupati dalla bellicosa
popolazione dei Liguri Apuani...

Grafica elenco puntato link

Alluvioni in Liguria dal 1894
In Liguria i disastri legati al
maltempo sono determinati da
tanti fattori. Alluvioni e
devastazioni operate da corsi
d'acqua impazziti, violente
mareggiate e frane sono da
sempre una costante del territorio...

Grafica elenco puntato link

Nubifragio del 25/10/2011
Un evento atmosferico di eccezionale portata ha dato luogo a forti precipitazioni nel Levante ligure e nell'alta Toscana. Come conseguenza, le esondazioni di canali, torrenti e fiumi hanno originato una vera e propria apocalisse...

Grafica elenco puntato link
 
 
 
 
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
19037 Santo Stefano di Magra - LA SPEZIA  IT
   

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP