Logo del sito "Tolte dal Cassetto"

Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

ARCHIVIO NEWS

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

2010

2011

2012

2013

INDICE ARCHIVIO NEWS

GENNAIO 2011

FEBBRAIO 2011

MARZO 2011

APRILE 2011

MAGGIO 2011

GIUGNO 2011

LUGLIO 2011

AGOSTO 2011

SETTEMBRE 2011

OTTOBRE 2011

NOVEMBRE 2011

DICEMBRE 2011

 

IL TELEGRAFO del 9 settembre 1943 - L'armistizio dell'Italia con le Nazioni Alleate è concluso (8 settembre 1943)

PRIMA PAGINA

<<

Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati...

 
 
 
 
EVENTI SETTEMBRE 2011
GENOVA - Addio al maestro della luce

 19 Settembre 2011

Pepimorgia, noto regista e lighting designer, si è spento questa mattina all'alba presso l'ospedale San Martino di Genova. Aveva 61 anni.
Se n'è andato con serenità, eleganza, compostezza e nobiltà d’animo, e con lui si spengono anche le sue magiche luci.
Una lunga carriera quella di Gian Luigi Maria Morgia di Francavilla, in arte Pepimorgia, nata nel 1970 sul palcoscenico della città di Genova, a contatto con il regista Joseph Svoboda che lo spingerà, sull'onda della sua grande curiosità culturale, a scandagliare il mondo eclettico dell'arte settore per settore, sempre concentrando l'attenzione sul tema della luce quale elemento essenziale per sottolineare lo spazio, paesaggio urbano o luogo dell'anima, a partire dai progetti urbani. Nel gioco delle ombre e delle prospettive che ha caratterizzato il gran teatro firmato Morgia si stagliano le illuminate Fontana di Trevi e la Sacra Sindone, i lavori con Arnaldo Pomodoro alla Berkeley University di San Francisco e le innumerevoli, fantastiche proiezioni sulle onorate mura dei monumenti antichi, primo fra tutti il Colosseo, l’imponente progetto dell’'illuminazione della cupola di San Pietro e il disegno per i fuochi d'artificio barocchi in occasione del restauro dell’omonima Basilica.
Significative furono le sue esperienze giovanili a contatto con il mondo della pop art musicale londinese, collaborando con i grandi del settore - Elton John, David Bowie, i Genesis, Roxy Music, Van Der Graft Generator – come anche la fondazione, insieme a Lele Luzzati, Aldo Trionfo, Tonino Conti e Ninni Miglietta, del Teatro della Tosse di Genova.
Prestigiose le sue scenografie per Rudolf Nurejev e Carla Fracci, il Pavarotti International, le molte regie teatrali e televisive, la fotografia di programmi musicali di spicco, fino ad arrivare, nei meandri della sua inesauribile vena creativa, alla direzione artistica di decine e decine di festival in tutt’Italia e alla spettacolarizzazione di concerti dei tanti artisti di punta, primi fra tutti Fabrizio De Andrè, Claudio Baglioni e Gianna Nannini.
Numerosissimi anche gli incarichi istituzionali ricoperti nel corso della sua carriera: delegato culturale presso la Sede diplomatica di Mosca per tutti gli scambi culturali Italia-Urss; attaché culturale delle Isole Azzorre; Ambasciatore del Principato di Seborga a Roma; delegato culturale dell' H.B.T.O. missione italiana;  presidente del Centro Studi Maltese per lo sviluppo di cultura e turismo; direttore artistico del comune di Sanremo per il quale era tuttora in attività per una serie di eventi tra cui la “Notte Bianca della Moda”.
Se ne va così, all’età di 61 anni appena compiuti, un pezzo di storia del light design italiano, lasciando spazio alla luce delle sue molteplici opere, sempre concepite e realizzate con costante dedizione e creatività.

L’ultimo grande saluto a Pepi Morgia avrà luogo domani, martedì 20 settembre, alle ore 12 a Genova presso la chiesa di San Benedetto. Il rito funebre sarà celebrato da Don Andrea Gallo.
I familiari desiderano ringraziare l’Hospice Maria Chighine del S. Martino-Ist; i dottori Massimo Costantini, Michele Gallucci e Federica Della Rovere, nonché tutto il personale, gli infermieri, gli operatori socio-sanitari e i volontari della Lega Lilt.
 
ANACAPRI - Le canzoni d'autore

 2 Settembre 2011

Si terrà il 2 settembre 2011 nella splendida piazza San Nicola ad Anacapri la serata finale del

Premio Anacapri Bruno Lauzi
Canzone d'Autore 2011

La IV edizione della kermesse musicale, che vede la direzione artistica del giornalista e scrittore Roberto Gianani, è inserita nel cartellone dei festeggiamenti della Settembrata Anacaprese. La tradizionale manifestazione folkloristica isolana, dedicata quest’anno ai 150 anni dell’Unità d’Italia, proporrà contrade in festa, costumi d’epoca, spettacoli, sfilate di carri e percorsi enogastronomici.

La conduzione dell’evento musicale è affidata al giornalista Rai Andrea Vianello che sarà affiancato dalla giovane e bellissima attrice Francesca Ceci. I sette finalisti, selezionati tra i numerosissimi partecipanti, si esibiranno sul prestigioso palco tanto caro a Bruno Lauzi. A giudicare i loro brani inediti la giuria di esperti presieduta, ancora una volta, dal Maestro Gianfranco Reverberi e composta da Maurizio Lauzi, figlio del cantautore genovese, Edoardo Vianello, Peppino di Capri, Mariella Nava, Carlo Marrale (ex Matia Bazar), Franco Fasano, Carlo D'Angiò, Rosanna Lambertucci, dal musicologo

Logo "Premio Anacapri Bruno Lauzi - Canzone d'Autore 2011" - IVa edizione

Pietro  Gargano  e  dai  giornalisti Alessandro Cecchi Paone ed Alberto Zeppieri. Le performance di alcuni dei giurati si alterneranno a quelle dei finalisti. Nel corso della serata verrà consegnato anche il Premio Anacapri Penna d’Autore a Marino Bartoletti. Lo storico giornalista Rai, appassionato cultore della musica di qualità sarà premiato da Giuseppe Aquila, amministratore delegato di Montegrappa Italia, con una penna stilografica tricolore appositamente realizzata dalla maison di Bassano per celebrare l’anniversario dell’Unità d’Italia.
Anche quest’anno verrà assegnato il “Premio Alessandra Cora” alla migliore interprete femminile. Un ricordo affettuoso, fortemente voluto da Roberto Gianani, direttore artistico del Premio, per non dimenticare una giovane cantautrice caprese strappata alla vita e ai suoi sogni dal terribile terremoto dell’Aquila del 2009.

LUGLIO 2011 - I nomi dei sette finalisti
La direzione artistica del Premio Anacapri Bruno Lauzi - Canzone d’Autore  ha comunicato i nomi dei sette finalisti della quarta edizione del concorso musicale dedicato al grande chansonnier genovese. Di seguito i cantautori scelti per partecipare alla serata conclusiva:
Fabiana Dota, da Napoli, con "Leggera"
Walter Iuretig, da Latisama (UD), con "La ballata del silenzio"
Aldo Losito, da Mottola (TA), con "Foresta di piume"
Luigi Negroni, da Cosenza, con "Svegliati amore"
Alfina Scorza, da Salerno, con  "Di rosso e sensualità"
Stefania Spina, da Catania, con "Questa mia vita"
Laura Ugolini, da Roma, con "Come un'onda"
SETTEMBRE 2011 - I premiati della quarta edizione
Alfina Scorza vince la quarta edizione del Premio Anacapri Bruno Lauzi con la canzone “Di rosso e sensualità”. Alla giovane cantautrice salernitana è andato anche il Premio Cora quale miglior interprete femminile.
Il premio per il miglior testo è stato assegnato al friulano Walter Iuretig con “La ballata del silenzio”, quello per la migliore musica al cosentino Luigi Negroni con “Svegliati amore”.  Nella serata finale, seguita da Uno Mattina, Rai3, con interventi di Radio Kiss Kiss e Radio Marte, si è parlato anche di scienza e bellezza con Rosanna Lambertucci ed Alessandro Cecchi Paone.
La chiusura è stata affidata a Maurizio Lauzi. Tre i brani eseguiti: Romantica Jazz, Il tuo amore, splendido valzer composto da Bruno, e Ritornerai. Ancora una volta il figlio del cantautore genovese ha conquistato tutti con il suo talento e le sue parole profumate d’amore, cultura e tenera nostalgia...
Info a cura di:
Vele Bianche editori
 
FORTE DEI MARMI - Arte messicana

Dal 3 Settembre 2011

Il "Museo Ugo Guidi" e gli "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus", sotto la direzione scientifica del prof. Massimo Bignardi (titolare della cattedra di Storia dell'Arte Contemporanea e direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell'Università degli Studi di Siena), presentano una mostra di artisti messicani dal titolo
“¡Que viva el Arte!”
dipinti di Nicolàs de Jesùs e Gabriel Rodriguez Trinidad
a cura della dott.sa Elisa Pacini
Col patrocinio de: Università degli Studi di Siena (Facoltà di Lettere e Filosofia, Cattedra di Storia dell'Arte Contemporanea)  -  Università degli Studi di Pisa  -  Ambasciata del Messico.
La mostra allestita nel "Museo Ugo Guidi" (MUG) di Forte dei Marmi - Via M. Civitali 33 a Vittoria Apuana - e presso il Logos Hotel - Via Mazzini 153, Forte dei Marmi, sarà inaugurata sabato 3 settembre alle ore 18,00 al MUG.
La visita della mostra, che durerà fino al 22 settembre 2011, e del museo nei giorni successivi all'inaugurazione, ad ingresso libero, sarà possibile solo su appuntamento al
348-3020538. Al Logos Hotel tutti i giorni con orario 10-23.
Nicolás de Jesús è un artista messicano; dipinge e realizza incisioni su papel amate (carta di corteccia). Nasce nel 1960 nella comunità di Alto Balsas nella regione indigena Nahua di Guerrero, Messico. Figlio dell'artista messicano Pablo de Jesús, ha esposto in vari centri culturali di Chicago, città dove ha vissuto dal 1989 al 1994. E’ il co-fondatore del “Taller Mexiano de grabado” a Chicago, ed ha promosso la sua arte attraverso il Museo messicano di quella città. Grazie al supporto de “L'Association pour l’Estampe et l’Art populaire”, Nicolás ha esposto in Francia, Giappone e Indonesia. Ha partecipato a numerosi show televisivi e radiofonici, mostrando i suoi lavori, e parlando della situazione degli artigiani in Messico e artisti messicani negli Stati Uniti. In più, Nicolás de Jesús ha ricevuto il National Award for Drawing "Ricardo Flores Magón" nella competizione: V Juegos Culturales y Recreativos de los Trabajadores.
Gabriel Rodríguez Trinidad nasce nel 1981 a Cuanacaxtitlán, México; ha mostrato interesse per l'arte fin da quando era piccolo, ma non ha iniziato a dipingere fino all'età di 17 anni quando ha conosciuto il pittore Jaime Ignacio Lopez. Sulla base dell’esperienza acquisita presso lo studio di Lopez, Gabriel diventa un artista a tempo pieno. Si iscrive alla Facoltà di Belle Arti presso il Centro Universitario Simón Bolívar. Si diploma nel 2002; lo stesso anno incontra l’artista Nicolas de Jesús, con il quale fonda lla tipografia Tixtlarte. Le sue mostre più importanti: municipio di San Luis Acatlan (2001), "Nuu Savi" presso la Casa della Cultura di Acapulco (2002), "Una Lucha por la Madre Tierra", nel comune di Tixtla (2005), "Cielo Rojo" a IMCE a Chicago, partecipa a esposizioni collettive in occasione del “Bicentenario de la Indipendencia de Mexico” in Messico e Stati Uniti. Attualmente è membro attivo dello studi di arte grafica "Tlimoyotl". Egli insegna arti grafiche e istruisce i bambini delle comunità rurali.
La mostra è realizzata col contributo di Logos Hotel Forte dei Marmi - Co.M.P.A.S.S. Massa - Banca CC Versilia Lunigiana, e la partecipazione del Comune di Montignoso – Comune di Forte dei Marmi – Italia Nostra sez. Massa-Montignoso – Piccolo Teatro della Versilia - Fondazione Peccioli; con l’adesione dell’Unione Europea, dell’International Council Of Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Sistema Museale della Provincia di  Lucca, APT Versilia.
Partner per le Lettere e l'Arte: La Parentesi della scrittura
Media Partner: La Parola-Reality

Per maggiori informazioni:
MUSEO UGO GUIDI  - Via M. Civitali 33 - Forte dei Marmi
Audioguida gratuita: 800 390584  - 571

 
IMPERIA - Scacchi in passerella

Dal 4 all' 11 Settembre 2011

Il torneo, che ha preso il via domenica 4 settembre e terminerà domenica 11 settembre - organizzato dal Circolo Scacchistico Imperiese - si disputa ininterrottamente dal 1959 ed è la manifestazione scacchistica italiana più longeva e, probabilmente, la seconda più antica al mondo.

53° Festival Scacchistico Internazionale

Teatro della manifestazione il nuovissimo Palazzetto dello Sport di Imperia - ubicato in località San Lazzaro, vicino alla piscina comunale - inaugurato nel marzo 2009, che è una struttura polifunzionale, all’avanguardia, realizzata su iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Imperia.
“Questa 53edima edizione del Festival – dichiara il Presidente del Circolo Scacchistico Imperiese, Gianni Rossi Cassani – ha una previsione di circa 200 giocatori provenienti da India, Russia, Germania, Francia, Filippine, Ucraina, Repubblica Dominicana, Algeria, Moldavia, Croazia, Bielorussia, Serbia, Bulgaria, Monaco e Cecoslovacchia. E’ prevista anche la partecipazione di 6 Grandi Maestri e di 8 Maestri Internazionali”.
In occasione dei 50 anni del Festival è stato realizzato un prezioso testo a firma di Antonio Faraci (vice presidente del Circolo), “I 50 anni del Festival Internazionale Sccachistico di Imperia (1959-2008)”, con commenti, aneddoti, classifiche e gallerie fotografiche.
Il Circolo Scacchistico Imperiese contribuisce anche ad organizzare il 2° Festival Internazionale degli Scacchi di Sanremo che si svolgerà al Nyala Suite Hotel di Sanremo (via Solaro, 134) dal 5 all’8 gennaio 2012 (www.sanremoscacchi.com).

CONSUNTIVO DELLA MANIFESTAZIONE
E’ il GM moldavo Dmitry Svetushkin il vincitore del 53° Festival Scacchistico Internazionale di Imperia organizzato dal Circolo Scacchistico Imperiese che si è concluso domenica 11 settembre ad Imperia.
Nel torneo maggiore va sottolineata la fantastica prestazione del giovane Paolo Formento, socio del circolo imperiese, che a soli 14 anni ha ottimamente figurato, concludendo con 5 punti e avendo ottenuto in posizione vinta una patta con il GM russo Igor Efimov. Formento si sta avvicinando a larghi passi a conseguire il titolo magistrale.
Nel Torneo B, invece, ha trionfato il bulgaro Simeonov Ventislav mentre il milanese Francesco Albano ha vinto il Torneo C.
Quest’anno il Festival Scacchistico Imperiese ha visto ai nastri di partenza ben 161 partecipanti nei quattro tornei previsti e ben 60 nel torneo magistrale, il più prestigioso. Ha annoverato 6 Grandi Maestri e 11 Maestri internazionali, i due titoli di merito più alti in questo sport.
Per maggiori informazioni:  www.imperiascacchi.it
 
MONTIGNOSO - Aperitivi letterari

Dal 4 Settembre 2011

Programma degli incontri di Arte e Cultura coordinati da Simona Bertocchi nel parco di Villa Schiff a Montignoso. Aperitivo e buffet dopo ogni incontro...

Domenica 4 settembre, ore 18.00  Presentazione del libro
"Antenati e forchette" di Lucilla Gattini
Relatrice Simona Bertocchi, parteciperà l'autrice.
E' molto più di un antico ricettario, nel libro di Lucilla Gattini, tra i segreti delle
pietanze di nonne e zie, vive la storia di una famiglia, si sprigionano gli odori di
casa, ritornano i ricordi dei pranzi della domenica e curiosi aneddoti che
compongono la memoria.
MOSTRA FOTOGRAFICA " IL VIAGGIO tra immagini e parole"
di Gisella Molino, c/o la Limonaia del parco (si protrarrà fino al 18-09-2011)
Domenica 11 settembre, ore 18.00
"Il luogo dei ricordi"
Reading di racconti editi ed inediti sul tema della memoria e delle tradizioni.
Domenica 18 settembre, ore 18.00  Presentazione del libro
"Le donne della memoria. La memoria delle donne.
Racconti, testimonianze e narrazioni delle filatrici
del Cotonificio Ligure di Forno
"

Ultimo lavoro della giornalista e scrittrice Angela Maria Fruzzetti.
Relatrice Simona Bertocchi, parteciperà l'autrice.
Donne che hanno lavorato alla filanda nell'ultimo periodo di attività e
vissuto la crisi della fabbrica nel 1942. Donne che hanno assistito all'incendio
della loro fabbrica nell'estate del 1944, donne che Angela Maria Fruzzetti ha
intervistato ricucendo tasselli di memoria che rimettono insieme la vita di
quella fabbrica.

Incontri patrocinati da:
"MUSEO UGO GUIDI" - Via M. Civitali 33 - Forte dei Marmi (LU)

 
ALBENGA - Libro su erbe e piante

4 Settembre 2011

Sabato 4 settembre, alle ore 17.30, in Piazza delle Erbe ad Albenga, nell'ambito della "Notte Verde" organizzata dall'Amministrazione Comunale, sarà presentato in collaborazione con i Fieui de Caruggi il libro...

Il mondo verde dei Celti
Curato da Alfredo Moreschi e Claudio Porchia, pubblicato da Edizioni Zem di Vallecrosia, il libro racchiude spunti raccolti dalle opere di diversi autori classici ed è arricchito da disegni in bianco e nero delle principali piante. Intende accompagnare i lettori alla scoperta di un mondo affascinante ripercorrendo le conoscenze dei Druidi e della tradizione popolare ligure. I Celti, infatti, vivevano in un territorio coperto da boschi e da foreste, a contatto con una natura incontaminata, dove i Druidi cercavano le piante e le erbe con proprietà magiche e medicinali da utilizzare seguendo precisi rituali.
Gino Rapa introdurrà l’autore Claudio Porchia accompagnato all’arpa da Claudia Murachelli (ingresso libero).
Alle 19.00, presso il vicino Palazzo Oddo, è prevista l’inaugurazione della mostra
Il calendario Celtico” di Dino Gambetta e Domenico Musci, a cura di Claudio Porchia.
Il CALENDARIO CELTICO
Alberi tra leggenda e natura di Domenico Musci
Un calendario completo di storia, credenze, origine dei nomi, caratteristiche botaniche, utilizzazione farmaceutica e di medicina popolare. I tredici mesi dell’anno lunare, di ventotto giorni ciascuno, iniziano con la Betulla (Olivo per il calendario greco), il Sorbo, il Frassino, l’Ontano (Corniolo), il Salice, il Biancospino (Pero selvatico), la Quercia, l’Agrifoglio (Leccio), il Nocciolo (Noce), la Vigna, l’Edera, il Tiglio, il Sambuco (Mirto).
La mostra propone di ogni albero un disegno realizzato da Dino Gambetta insieme ad una scheda con notizie intese a completarne la conoscenza.
 
CARRARA - Con-vivere Festival

9-10-11 Settembre 2011

Si svolgerà a Carrara (MS) dal 9 all'11 settembre e sarà dedicata al 150° dell'Unità d'Italia la 6^ edizione di Con-vivere Carrara Festival, organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Sotto il titolo “Bianco, Rosso e Verde – centocinquant'anni di unità” il direttore scientifico Remo Bodei e gli ospiti della manifestazione si confronteranno sulle “prospettive dell’Italia e sul suo ruolo storico in un mondo globalizzato – in quella cioè che secondo il direttore - costituisce oggi la sfida decisiva per la sua stessa sopravvivenza come paese civile e democratico”.
Anche la sesta edizione vanterà ospiti illustri come Corrado Augias, Aldo Cazzullo, Guido Crainz, Ernesto Galli della Loggia, Armando Massarenti, Marco Meriggi, Paolo Mieli, Laura Olivetti, Paolo Peluffo, Lucy Riall, Gianni Riotta, Roland Sarti, Lucio Villari. Oltre al direttore Prof. Remo Bodei.

Un mix di interventi di giornalisti, storici ed esperti dell'identità italiana, che permetterà al pubblico di Con-vivere di spaziare dalle radici del Belpaese, affrontando i temi del Risorgimento,  all'attualità più stretta ed alle prospettive di sviluppo della nostra Repubblica.
Chi conosce Con-vivere, però, sa che il Festival ha una formula ormai consolidata

Logo "CON-VIVERE FESTIVAL" Carrara 8/9/10 settembre 2011 - (Bianco, Rosso e Verde - Centocinquant'anni di unità)

negli anni, che prevede accanto alle conferenze molti altri eventi che affrontano il tema della kermess e in tutte le sue sfumature, andando incontro a qualsiasi tipo di interesse. Dal concerto di Elio e le Storie Tese, l'11 settembre, alle serate dedicate alla musica del sud e del nord, con Peppe Barra e Davide Van de Sfroos, ai laboratori per bambini, dai menù a tema dei ristoranti, ai mercatini, fino alle mostre d'arte, nessun aspetto dell'identità italiana verrà tralasciato. Tra le mostre di particolare interesse quella su “Il tricolore”, organizzata in collaborazione con il Comitato per le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, che vedrà come pezzo raro una bandiera del 1848 che accompagnò i Mille nel loro viaggio e che è stata restaurata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara per l'occasione. Per gli amanti del cinema, invece, la s esta edizione di Con-vivere, conferma la rassegna curata dalla carrarese Tilde Corsi, famosa produttrice cinematografica, con alcuni film dedicati al Risorgimento italiano e con la digressione che sarà rappresentata dal film di Carlo Verdone, Al lupo al lupo, scelto dall’attore stesso in quanto girato nelle Alpi Apuane. E proprio la presenza di Carlo Verdone, attore e regista che davvero non ha bisogno di presentazioni impreziosirà la sesta edizione del festival. Con-vivere Festival è tutto questo e ancora molto di più, con la possibilità di conoscere Carrara e la provincia di Massa Carrara (con prezzi e orari convenzionati in occasione del festival per visitare i principali monumenti e musei) che a settembre mostrano ancora il meglio di sé con un clima adatto sia a frequentare le belle spiagge che le incantate montagne e le cave di marmo sopra la città. Il Festival gode del sostegno del Comune di Carrara, della Regione Toscana, del Comitato per il 150° ed ha ricevuto in questi anni l'Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica per il suo valore culturale.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito, ad eccezione del
concerto conclusivo di Elio e le Storie Tese
 
Appuntamenti culinari della FIC

Dall'8 Settembre 2011

Ha più di 30 anni, ma non li dimostra: vivacità, intraprendenza, idee e attività brillanti, “snellezza” nel procedere e altre fresche caratteristiche fanno della Federazione Italiana Cuochi un’organizzazione al passo con i tempi. Merito della sua impostazione, basata su responsabilità e impegno fin dalle origini, e della propensione ad aggiornarsi ed evolversi. Così, sul finire dell’estate, la FIC, che, unica nel suo genere, ha ottenuto nel 2001 il riconoscimento giuridico, prosegue la sua mission con immutata “sostanza” e qualche novità.
Innanzitutto il gruppo, capitanato dal presidente Paolo Caldana, ha voluto essere presente su Facebook, ritenendo la piattaforma sociale il mezzo più veloce, “democratico” e moderno per comunicare e per raggiungere un vasto pubblico. Inoltre la FIC ha pensato a un restyling della propria rivista “Il Cuoco” e a una versione più dinamica, flessibile e d’impatto del sito ufficiale.
Con queste premesse, la Federazione ora si appresta a prendere parte a tre manifestazioni del comparto, in cui potrà dare prova della sua arte e del suo sapere.
La prima “uscita” delle nostre berrette bianche è alla 23ª Edizione di Sana-Salone Internazionale del Naturale, che si svolgerà al Quartiere Fieristico di Bologna, dall’8 all’11 settembre p.v. (con orario dalle ore 9 alle 18). La FIC invita tutti presso il proprio Stand A 10, nella Hall del Padiglione 33, dove sarà possibile sfogliare la rivista e ricevere informazioni su progetti e attività del sodalizio.
Evento nell’evento, che riguarda gli chef, il convegno “Il Bio fuori-casa. A tu per tu con la nuova norma”, fissato per venerdì 9 settembre, nella Sala Allemanda del Padiglione 33, dalle ore 15 alle 17. Nell’incontro-dibattito sulla bozza di regolamento per la certificazione biologica della ristorazione, saranno coinvolti alcuni qualificati rappresentanti della Federazione, tra cui il presidente Paolo Caldana e Fabio Buccolini, segretario dell’Unione Nazionale Cuochi-Lazio dell’Associazione. L’argomento è molto attuale: Il regolamento CE n.834/2007 non prende in considerazione le attività di ristorazione collettiva e commerciale con prodotti biologici e consente agli Stati membri di adottare norme nazionali. La crescita della domanda ha visto il parallelo aumento del numero di locali che offrono prodotti biologici, ma le potenzialità di sviluppo del settore nei pasti fuori casa sono enormi. È necessario un quadro normativo snello e praticabile che sia nel contempo in grado di assicurare la massima garanzia ai consumatori e la trasparenza del mercato.
Il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e i rappresentanti degli operatori si confronteranno sulle proposte attualmente sul tappeto.
Successivamente la squadra della FIC sarà tra i protagonisti di Host-Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale, in calendario a Milano dal 21 al 25 ottobre.
In ultimo, ma non ultimo, nel programma trimestrale della Federazione Italiana Cuochi, figura SIA-Guest/Salone Internazionale dell’Accoglienza, che si terrà a Rimini Fiera, dal 26 al 29 novembre. Oltre allo stand promozionale, nel Padiglione A 1, gli associati hanno predisposto una “conferenza d’apertura” che darà modo di far conoscere meglio l’Associazione e di ribadire il suo ruolo e il modus operandi nell’ambito della ristorazione, che le compete, anche mettendo al centro l’albergo, e che si “nutre” di trend, innovazioni e approfondimenti. In puro stile FIC.
Per maggiori informazioni:
FIC, Piazzale delle Crociate 15, 00162 Roma - Tel. 06/4402178 - 44202209;  Fax 06/44246203
Presidente: professor Paolo Caldana; Segretario: Salvatore Bruno -  Web:  www.fic.it
 
OSPEDALETTI - Dandini incontra Guglielmi

11 Settembre 2011

Grazie a Pepi Morgia e all’Amministrazione Comunale di Ospedaletti, domenica 11 settembre, alle ore 21.30, presso l’Auditorium comunale, avverrà l’incontro tra Serena Dandini e Libereso Guglielmi, ad ingresso libero.
Serena Dandini, noto volto televisivo (conduce dal 2004 il talk show "Parla con me" su Rai 3), descrive Libereso Guglielmi nel fortunatissimo libro "Dai diamanti non nasce niente. Storie di vita e di giardini" edito da Rizzoli:“E’ un combattente del verde, ricco di idee e progetti che espone con passione a ogni incontro pubblico che accetta con generosità”.
Il testo d’esordio della Dandini, chiaramente nato nel segno di Fabrizio De Andrè (Dai diamanti non nasce niente è una frase della canzone Via del Campo del cantautore genovese), racconta la sua passione per il giardino attraverso esperienze personali, ricordi e riflessioni sul rapporto tra l’uomo e la natura inserendo, ovviamente, anche il giardiniere di Calvino.
Libereso è protagonista del capitolo Lo sguardo ed è inserito tra i personaggi del Barone rampante con i suoi salti “da un pino all’altro, di ramo in ramo, per raccogliere le pigne”. Qui, accanto al ricordo della famosa ricetta della torta di rose, viene raccontata anche la sua passione per la flora spontanea, in primis per la Plantago major, e per i fiori. Tra questi, il Tropaeolum che si mette nell’insalata, la Calendula di cui si mangiano i germogli come verdura e l’Abutilon, la cui corolla può essere riempita con il gorgonzola.
L'evento nel segno dei fiori e della natura, che permetterà a Libereso di ringraziare personalmente Serena Dandini, sarà moderato dal giornalista Claudio Porchia.
LIBERESO GUGLIELMI - note biografiche (vedi anche Archivio News)
è nato a Bordighera nel 1925 ed è conosciuto come Libereso, nome scelto dal padre anarchico tolstoiano e studioso di esperanto, che vuol dire “libertà”.
A 15 anni, grazie ad una borsa di studio, è stato chiamato dal professor  Mario Calvino a lavorare presso la stazione sperimentale di Floricoltura di Sanremo, dove ha conosciuto Italo, di cui è diventato amico e con cui ha vissuto insieme per dieci anni. Dopo aver diretto una grande azienda floricola del sud Italia, si è trasferito in Inghilterra dove è diventato capo giardiniere del giardino botanico Myddleton House e ricercatore dell’Università di Londra. Sposato e con due figli è tornato in Italia dove su incarico del Credito Italiano ha rimesso a nuovo i 40 ettari del Parco di Villa Gernetto a Lesmo. Ha girato moltissimi paesi europei e dell’Asia e dell’Indonesia. Ha curato diverse pubblicazioni e scritto sulle più importanti riviste italiane e straniere dedicate ai fiori ed al giardinaggio. Oggi pensionato vive a Sanremo, ma continua a viaggiare e tenere conferenze in tutte le parti del bel paese spiegando il valore delle erbe e trasmettendo il suo amore per le piante accompagnato dalla sua straordinaria conoscenza della botanica e della floricoltura.
 
CASTELNUOVO MONTI - Cittadinanze affettive

23 Settembre 2011

Il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano e l'Unione dei Comuni dell'alto Appennino reggiano hanno ideato una serie di eventi, organizzati per il secondo anno consecutivo, al fine di riunire tutti coloro che sono originari del territorio ma stanno vivendo altrove, in Italia o all’estero, e conservano un forte attaccamento al paese delle radici familiari. Il primo appuntamento è stato quello di Pratizzano, seguito da Sologno (18 agosto), e quindi la Val d'Asta (19 agosto). Il prossimo sarà quello di Castelnuovo nei Monti, previsto per il 23 settembre...

L'Appennino nel cuore
"Le cerimonie di conferimento delle cittadinanze affettive – sottolinea Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale – sono manifestazioni cariche di sentimento e dall’alto valore culturale, non certo un mero momento di folclore e intrattenimento. Queste iniziative hanno alla base due motivazioni forti.
La prima riguarda l’attualità del crinale appenninico: l’immigrazione rimane il dato che maggiormente ha pesato su questo territorio, consolidando quel senso di sconfitta diffuso tra la nostra gente che oggi noi siamo chiamati a sanare.
La vita in Appennino non è certo quella di cinquant’anni fa: abbiamo acqua, elettricità, strade, scuole, ospedali, reti Internet, ma le relazioni sociali sono in rosso. Non ci sono giovani, nascono pochissimi bambini. Per questo è prioritario investire sul senso di appartenenza e sul ‘ritorno’ come viatico per rimarginare le ferite inferte dall’abbandono.
Altrettanto importante – continua Giovanelli – è capire che questo importante comparto turistico che definiamo ‘di ritorno’ rappresenta una grossa opportunità economica per il territorio, opportunità che vale di più di un finanziamento dello Stato, che peraltro ha sempre meno attenzione per l’Appennino.
In quest’ottica le iniziative che mettiamo in atto con i Comuni non sono un festival della nostalgia, ma un vero e proprio progetto di ricerca e sviluppo».
La “cittadinanza affettiva”, costituita dalle centinaia di persone che frequentano le comunità di originari con le quali hanno mantenuto un forte legame, danno, infatti, un grosso contributo per tener vivi i paesi del crinale, soprattutto in estate, occupandosi dell’organizzazione delle feste e delle attività di manutenzione dei borghi. L’attestato che viene loro consegnato è un riconoscimento simbolico di questo importante legame e insieme la richiesta di continuare ad amare questo territorio perché il loro contributo è linfa vitale per i paesi del crinale".
Ecco alcuni nuovi "cittadini affettivi" che hanno già ricevuto l'attestato dalle mani dei sindaci Sandro Govi, Martino Dolci, Paolo Bargiacchi e Giorgio Pregheffi: per il Comune di Busana, Marco Manini, che risiede negli USA, in Tennesse. E’ partito per lavoro nel 1995 ed ha girato mezzo mondo prima di fermarsi e metter su famiglia in America, ma ci ha raccontato che “…la sensazione che si prova quando si comincia a vedere la Pietra di Bismantova e il Campestrino al ritorno a casa,  è la più grande.” Alessandra Giordano Rathsack, famiglia di Cervarezza, vive invece in California a Costa Mesa dove si è trasferita per amore, facendo però innamorare dell’Appennino a sua volta il marito e la figlia Martina, anche lei cittadina affettiva, che parla perfettamente l’italiano e non vede l’ora di trascorrere le estati a Cervarezza.
Per il Comune di Collagna sono stati individuati i rappresentanti dei due tipi di emigrazione, quella all’estero con Michele Zigni, che da Caracas rientra ogni anno e trascorre qualche mese insieme ai familiari ed agli amici che vivono qui, e quella in Italia che in alcuni casi fa dei nostri emigrati dei veri pendolari, è il caso di Corrado Fiorini, che ogni fine settimana sale a Vallisnera dalla pianura reggiana per godere dell’atmosfera del suo paese e della compagnia degli amici.
Ligonchio ha invece individuato Odino Raffaelli, nativo di Vaglie, che ha raccontato l’Appennino attraverso i suoi romanzi e che è molto attivo nella collaborazione con i progetti del parco nazionale, ed il prof. Pier Giorgio Germini, di Ospitaletto, che è legatissimo al territorio ed alla comunità dove torna molto di frequente.
Il Comune di Ramiseto ha individuato i rappresentanti di diverse frazioni, Gianmichele Rosselli ed Elvo Rosselli, che vivono rispettivamente a Genova ed a Correggio ma partecipano quanto i residenti alle attività di Montemiscoso, anche loro potrebbero esser definiti come pendolari dell’emigrazione per il loro attaccamento al paese e la presenza continua. Silvana Casalini, che da Ferrara non ha mai smesso di tornare con la famiglia in località Andrella, dove la sua famiglia è radicata da più di duecento anni. Poi è stata la volta di Francesco Pedrini di Storlo, che ha contribuito a risolvere la complicata questione della ricostruzione del suo paese, dopo la frana che quasi lo distrusse a metà del ‘900.
In rappresentanza di Cecciola infine, Bruno Moretti, che vive a Torino dove si trasferì da ragazzo per lavoro, ma ha sempre continuato a sentirsi davvero a casa solo a Cecciola, dove torna appena possibile.
Una menzione particolare è stata poi assegnata a Giacomo Notari, uno dei personaggi più conosciuti ed amati della montagna, per il suo impegno in ambito politico e sociale sempre a favore della popolazione del crinale.
Per maggiori informazioni: www.parcoappennino.it
 
GENOVA - Nasce un emporio etico

24 Settembre 2011

Nell'ambito delle iniziative per un'economia più giusta e solidale, sta per nascere il MEt, Emporio Etico di FAIR ove trovare prodotti ecologici, locali e solidali.
MEt è alla "Manifattura Tabacchi" di GENOVA Sestri Ponente, in un edificio
GENOVA - Nasce MEt, Emporio Etico di Fair (logo) storico ottocentesco che fu sede di una fabbrica importante per l'economia sestrese, le cui lavoratrici hanno avuto un ruolo di primo piano nelle prime lotte antifasciste in Italia. Di recente restaurato, ospita la biblioteca civica, un auditorium, un complesso poliambulatorio, la sede del Municipio e varie attività commerciali.
La sfida più grande sarà quella di fare funzionare il negozio in un contesto di grave crisi generale, per garantire benessere e occupazione a chi vi lavora e supporto costante ai produttori che sono stati scelti come compagni di strada in questo percorso.
Una sfida al contempo economica, politica e culturale.
La festa di inaugurazione si terrà il 24 settembre. Sarà presente anche Francuccio Gesualdi, ispiratore del movimento del consumo critico in Italia.
 
Attesa per il Presidente del Parco

 26 Settembre 2011

Siamo ormai agli sgoccioli per l'elezione del Presidente del Parco di Montemarcello-Magra. Come hanno ricordato recentemente alcuni ambientalisti sulla stampa locale, se non si procederà alla nomina entro il 30 settembre, il Parco sarà commissariato.
Sull'argomento così si esprime Roberto Mazza del movimento "Stop al Consumo di Territorio" sezione della Spezia, il quale si rivolge ai Sindaci interessati...

Cari sindaci,
esiste un dato recente, ossia quello derivato dal 6° censimento generale dell’agricoltura: nello spezzino le aziende agricole sono scese dalle 8.508 del 2000 alle attuali 2.771, con un calo percentuale pari a 67.43%, mentre la superficie agricola utilizzata è diminuita da un totale di 63.835 a 43.033 ettari;  la vera emergenza è rivitalizzare l’attività agricola e agrituristica all’interno del territorio del Parco, assicurando così una concreta e diffusa opportunità di lavoro e di permanenza degli abitanti nel loro territorio d’origine. I giovani, oggi più di ieri, hanno bisogno di opportunità concrete e soluzioni durature nel tempo. Le nuove scelte della politica devono essere fatte con la cultura della serietà e non con quella dell’affarismo, i cui risultati drammatici sono evidenti a tutti.
Abbiamo già scritto in molti sugli indicatori di competenza necessari ad un futuro candidato al consiglio del Parco ed al Presidente. In un momento così delicato per il futuro del nostro territorio, il Presidente, oltre che essere colto e onesto (prerequisiti che non ci dovrebbe essere bisogno di richiamare) deve essere in grado, con la sua storia, di essere garante del rispetto formale e sostanziale delle ragioni fondative dell'Ente. Egli dovrà e potrà non solo tutelare al meglio quel patrimonio inestimabile  (che è il Parco di Monte Marcello, del fiume Magra ed in parte del fiume Vara -  e che ricordiamo ai sindaci è “bene comune” e risorsa agricola, turistica e paesaggistica per tutti) dalle “infiltrazioni” cementizie di speculatori privati, ma altresì interagire con i due imponenti progetti costruttivi che incombono in quelle aree (Marinella e Bozi) affinché gli esiti non siano laceranti per il paesaggio e deprimenti per un’economia agro-turistica sempre più proiettata verso la Bio-eco-sostenibilità dei luoghi.
F.to Roberto Mazza per "Stop al Consumo di Territorio" - La Spezia
Venerdì 30 settembre 2011 - Al termine di un'infuocata seduta della Comunità del Parco ad essere eletto come nuovo presidente dell'Ente è Francesco Pisani, assessore all'urbanistica del Comune di Ameglia ed ex sindaco. La mancata unanimità nella votazione ha scatenato una ridda di polemiche. Ora la Regione Liguria dovrà ratificarne la nomina.
 
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
 

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP