Logo del sito "Tolte dal Cassetto"

Finestre fotografiche su Liguria e Toscana

PHOTO MAGAZINE

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP

INDICE ARCHIVIO NEWS

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

 

 

  IL TELEGRAFO del 21 agosto 1969 - Le truppe del Patto di Varsavia invadono la Cecoslovacchia

PRIMA PAGINA

<<

 Archivio di grandi eventi
nazionali ed internazionali,
inchieste, reportages su
quotidiani e riviste celebri

 

FINESTRE APERTE
SUL TERRITORIO

Elenco puntato - Genova  GENOVA

Il capoluogo della Liguria
ha il centro storico più grande
d'Europa. Nel 2004 è stata la
"Capitale Europea della Cultura"...

Elenco puntato - Euroflora  EUROFLORA

In primavera, ogni 5 anni,
 alla Fiera di Genova va in scena
lo spettacolo dei fiori per eccellenza.
I giardini più belli del mondo...

Elenco puntato - Via Francigena  VIA FRANCIGENA

Col Giubileo del 2000 è stata
definitivamente rivalutata
 la via di Sigerico, che i pellegrini
percorrevano a piedi fino a Roma,
 in segno di pentimento...

Elenco puntato - Parco del Magra  PARCO DEL MAGRA

 A Gennaio 2008 il Parco Naturale
Regionale del Magra è il territorio
eco-certificato più esteso d'Europa...

Elenco puntato - Golfo della Spezia  GOLFO DELLA SPEZIA

Tra la punta di Portovenere e il Capo Corvo si apre una delle più profonde insenature di tutto il litorale occidentale italiano, declamata nei versi di illustri poeti e nella quale è incastonata La Spezia, città sede di porto militare e mercantile, che oggi è anche punto di attracco per le navi da crociera...

Elenco puntato - Le Cinque Terre  LE CINQUE TERRE

Cinque borghi marinari il cui destino è sempre stato storicamente legato alla terra e all'agricoltura piuttosto che alla pesca. Un paradiso naturale della Liguria che nel 1997 è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni Mondiali dell'Umanità...

Elenco puntato - La Val di Magra  LA VAL DI MAGRA

Nobili, vescovi, mercanti e pellegrini
lungo l'asse della Via Francigena.
 Culture differenti per storia e tradizioni,
nei secoli, si sono sovrapposte
 e hanno permeato il territorio con
i segni del loro passaggio...

Elenco puntato - La Val di Vara  LA VAL DI VARA

La "Valle dei borghi rotondi"
è anche conosciuta come
la "Valle del biologico" per le sue
produzioni agricole ottenute con
metodi antichi e naturali.
Varese Ligure nel 1999 è stato il
1° comune ecologico d'Europa...

Elenco puntato - La Lunigiana  LA LUNIGIANA

La "Terra della Luna", in Italia,
ha la più alta concentrazione di
antichi castelli. Se ne contano
circa 160. Alcuni sono bellissimi e perfettamente conservati... 

 
 
 
 

Fotografie © GIOVANNI MENCARINI

 
Ottanta ettari di bosco finiscono in fumo

STADANO DI AULLA - Il 25 agosto 2011 un incendio di vaste proporzioni ha interessato i boschi in località "lame di Aulla" tra Stadano e Podenzana. Sul posto sono intervenute numerose squadre dei Vigili del Fuoco di Aulla, Pontremoli e Massa, del Corpo Forestale dello Stato (Fivizzano e Pontremoli), i volontari della Protezione Civile e la squadra di intervento regionale Vab.
Per garantire il corretto svolgimento delle operazioni di spegnimento e disciplinare l'ordine pubblico, erano presenti in loco diverse pattuglie dei Carabinieri e delle

Fuoco infernale a Stadano
L'incendio domato grazie all'intervento di numerosi mezzi aerei
Polizie Municipali. Le fiamme hanno lambito pericolosamente l'Autostrada A15 Parma-La Spezia ed una linea di alta tensione dalla quale sono scaturite scintille e boati. Per motivi di sicurezza, una corsia della A15, in direzione Aulla-S.Stefano di Magra, è stata interdetta alla circolazione per alcune ore.
Inizialmente il fuoco è stato contrastato dall'alto mediante un elicottero della Forestale ma, nel tardo pomerigio, visto che le fiamme si avvicinavano minacciosamente anche ad alcune abitazioni di Stadano, sono arrivati in supporto altri due elicotteri, uno della Guardia Costiera e l'altro della Marina Militare.
INCENDIO DI STADANO del 25-08-2011 - La popolazione locale assiste impotente al rogo infernale
A Stadano, per proteggere un gruppo di case è entrata in azione una potente
ruspa che ha scavato una strada tagliafuoco
.
In serata la situazione è migliorata ma le fiamme non sono state domate completamente perché, causa l'oscurità, gli elicotteri hanno dovuto lasciare la zona.
L'incendio ha ripreso forza e nella notte 30 famiglie sono state prudenzialmente
Grafica elenco puntato Fotografie dell'incendio di Stadano del 25 e 26 agosto 2011
allontanate dalle loro dimore. I vigili del fuoco hanno sorvegliato la situazione per impedire atti di sciacallaggio. Comunque qualcuno ha trovato ugualmente il modo di rubare un'autovettura...
Per estinguere i numerosi focolai rimasti attivi, in mattinata è stato richiesto l'intervento di un Canadair della Protezione Civile nazionale che ha lavorato fino all'imbrunire, lanciando anche liquidi ritardanti. Mentre tutta la Val di Magra era inondata da un acre odore di fumo, gli abitanti di Stadano speravano nella pioggia che sarebbe dovuta cadere in nottata con l'arrivo di una perturbazione...
La precipitazione c'è stata, ma di debole intensità e breve durata.
Comunque, alla fine, gli sforzi umani e l'attività aerea hanno avuto la meglio sul rogo e le fiamme sono state spente.
I danni risultano ingenti: intorno al paese e lungo le "lame di Aulla" sono stati ridotti in cenere circa 80 ettari di boscaglia e moltissimi sono gli alberi carbonizzati.
Ora partirà un periodo di follow-up, con un paziente lavoro di zappatura effettuato dagli uomini a terra, su versanti scoscesi ed impervi,  in quanto l'assenza di fiamme attive non garantisce il reale spegnimento degli incendi.
FAQ - Quali e quanti danni produce l'incendio di un bosco?

R - A livello planetario, ogni anno si perdono 13 milioni di ettari di foreste (con un saldo di 8 milioni al netto della forestazione), pari ad una superficie grande quanto il Costarica.
In Italia, negli ultimi 20 anni gli incendi, quasi sempre dolosi, hanno cancellato dal territorio boschi per un'estensione superiore a quella dell'Abruzzo. Se ne sono andati letteralmente in fumo 1 milione e 100.000 ettari di alberi, pari a circa un ottavo dell'intera superficie boschiva.
Liguria e Toscana sono fra le regione italiane con la maggiore percentuale di superficie a foresta.
Il 40% degli incendi boschivi è concentrato nella sola Sardegna, che ha il triste primato di regione più flagellata dalle fiamme. La seguono in questa disgraziata classifica Calabria, Sicilia, Liguria e Basilicata. Nell'estate 2010, il clima favorevole ha diminuito del 60% il numero dei roghi e degli ettari carbonizzati, ma il fenomeno è sempre pronto a riesplodere.
La causa diretta degli incendi sono quasi sempre i comportamenti umani colposi e dolosi.
E' stato calcolato che un incendio distruttivo in un ettaro di pineta può causare la morte di 300 uccelli, 400 piccoli mammiferi e 5 milioni di insetti: dalle specie che nidificano sul terreno, come quaglie e fagiani, i cui pulcini non hanno vie di fuga, alle lepri, ai conigli, agli scoiattoli, e martore, orsi cervi, caprioli, fino a tartarughe e salamandre, passando per uccelli rapaci, picchi, lucherini, frosoni e altri volatili segnalati nel "Libro Rosso degli animali d'Italia" del WWF per essere tra le specie maggiormente minacciate dalla distruzione degli ecosistemi forestali.
A tutto questo vanno aggiunti i danni indiretti come perdita di ossigeno, peggioramento della qualità dell'aria, perdita di stabilizzazione climatica e idrogeologica, mancata produzione legnosa.
L'Università di Padova ha fatto una ricerca sui costi sociali ed ambientali causati dagli incendi. Ogni anno sono 500 milioni di euro che occorrono per personale, mezzi di terra, aerei ed elicotteri, nonché esborsi per il ripristino del patrimonio forestale compromesso e mancati guadagni per la diminuiita produzione dei prodotti del sottobosco
Senza contare inoltre che un incendio contribuisce pesantemente all'aumento dei gas serra. Un ettaro andato in fumo libera nell'aria, in media, tra le 50 e le 100 tonnellate di anidride carbonica. Tutto questo si traduce in pesanti costi legati ai protocolli per contrastare le variazioni climatiche e salvaguardare l'ambiente.

Fonti: Coop Consumatori - WWF Incendiometro 2008 - Legambiente - Università di Padova
Grafica elenco puntato (permanent link)  L'incendio nel Parco del Magra del 7 agosto 2015
PARCO DEL MAGRA (Piano di Vezzano Ligure) - Una densa colonna di fumo si alza dall'incendio del 7 agosto 2015 Il 7 agosto 2015, intorno alle ore 12, un furioso incendio è divampato nella zona del casello autostradale di S.Stefano di Magra. Le fiamme, spinte da una sostenuta brezza di mare, si sono immediatamente estese alla vegetazione circostante resa arida dalla persistente siccità. Dapprima il rogo ha raggiunto le scarpate di un tratto della Autostrada A12, che è stata

temporaneamente chiusa per motivi di sicurezza e per consentire un più efficace intervento dei Vigili del Fuoco. In seguito, nonostante il prodigarsi dei pompieri e di molte squadre antincendio della vallata, le fiamme sono sfuggite al controllo ed hanno distrutto praticamente quasi tutta la campagna alluvionale del Parco del Magra posta nel piano di Vezzano Ligure. Un immane disastro ambientale, nel quale sono andati in fumo circa 82 ettari di terreno.
L'incendio ha interessato orti, frutteti, canneti, che nel periodo estivo sono molto rigogliosi. Raggiunti dalle fiamme anche alcuni ricoveri di attrezzi agricoli e baracche per l'allevamento di animali da pascolo e da cortile, fortunatamente portati in salvo dall'intervento dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile. A scopo precauzionale, le autorità hanno inoltre disposto l'evacuazione di 10 abitazioni.
Dalla Direzione Regionale Emilia Romagna è arrivato sul posto anche l'elicottero Drago 51 dei Vigili del Fuoco che, attingendo acqua dal Lago Curadi (in località Cerlasca), ha provveduto a spegnere gli ultimi focolai sparsi fino al calar della sera. Il furioso incendio veniva domato intorno alle ore 19. Tutte le operazioni dei pompieri (44 unità e 17 mezzi intervenuti) si sono concluse intorno alle ore 22:30.
Il giorno dopo un silenzio innaturale si è contrapposto al vociare quotidiano, alle grida dei bambini che giocano, al rumore delle macchine agricole e al sibilo delle pompe per irrigare gli orti. Tutto spazzato via in poche ore...
La cancellazione della macchia fluviale, oltre ad avere lasciato il posto ad un paesaggio spettrale, ha portato impietosamente alla luce i tanti rifiuti abbandonati e le innumerevoli micro-discariche abusive presenti nell'area.

La Liguria è una delle regioni italiane a più alto indice boschivo. Ogni anno migliaia di ettari di verde vengono distrutti a causa degli incendi dolosi. Aerei ed elicotteri, molto spesso, sono indispensabili per domare le pericolose fiamme...
Grafica elenco puntato  Mezzi aerei antincendio della Protezione Civile   Grafica elenco puntato  Pegaso 3 - Elicottero del 118

Close Up

Fotografie, eventi, turismo, economia, arte e gastronomia

Le Alpi Apuane
Originano da movimenti tettonici del fondo marino e sono prevalentemente costituite di roccia (il notissimo marmo bianco). I calcari risalgono ad almeno 250 milioni di anni fa e ne fanno un "monumento geologico" unico al mondo...

Elenco puntato - Le Alpi Apuane

Ferrovia Aulla-Lucca
Il fascino dei treni d'epoca
e delle locomotive a vapore

Elenco puntato - Ferrovia Aulla-Lucca

Ferrovia Pontremolese
Una linea di vitale importanza
per La Spezia e la Lunigiana

Elenco puntato - Ferrovia Pontremolese

Infiorate a Brugnato
"Per tetto un cielo di stelle e
per strada un tappeto di fiori..."

Elenco puntato - Infiorate a Brugnato

Tall Ships alla Spezia
Provenienti dalla "Tall Ship's
Race 2007 Mediterranea, da
Alicante a Genova, alcuni fra i
più prestigiosi velieri d'epoca
hanno fatto tappa nel Golfo
della Spezia prima di lasciare
definitivamente il Mar Ligure.

Elenco puntato - Tall Ships alla Spezia

Festa della Marineria
La biennale manifestazione del
mare, nata nel 2009 alla Spezia,
ha raggiunto il culmine della
popolarità nel 2013 con la
presenza di 35 tra i velieri più
belli del mondo.

Elenco puntato - Festa della Marineria

Mezzi militari storici
Carri armati, autoblindo, jeep, motociclette, autocarri dei periodi bellici e non che tornano in auge durante i raduni organizzati dagli appassionati del settore.

Elenco puntato - Mezzi militari storici

Tuning: l'arte delle 4 ruote
L'arte di apportare alla propria
autovettura dei cambiamenti a
livello motoristico ed estetico iniziò intorno alla metà del
Novecento. La capostipite
delle auto Tuning fu la
mitica Fiat 500 Abarth...

Elenco puntato - Tuning: l'arte delle 4 ruote

Pietrasanta città d'arte
Città a vocazione turistica, Pietrasanta è considerata il capoluogo storico della Versilia e la capitale della lavorazione artistica del marmo.

Elenco puntato - Pietrasanta città d'arte

Antiche ricette in Lunigiana
Piatti prelibati di una cucina essenziale, ma non per questo meno saporita. Cibi dal sapore antico che tornano ad imbandire le nostre tavole dopo  essere stati riscoperti a nuova vita.

Elenco puntato - Antiche ricette in Lunigiana
 
 
 
 
TOLTE DAL CASSETTO - Finestre fotografiche su Liguria e Toscana
19037 S.Stefano di Magra - LA SPEZIA  IT
   

HOME PAGE

PHOTO MAGAZINE

SITE GALLERY

INFO/CREDITS

LINKS/MAIL

SITEMAP